closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Berdjaev, vita di un anarchico spirituale, isolato nella diaspora russa

Novecento russo. Riedita l’«autobiografia» di Nikolaj Berdjaev, da Jaca Book

Nikolaj Berdjaev

Nikolaj Berdjaev

Proveniente da una famiglia di nobili ufficiali, Nikolaj Berdjaev cominciò il suo percorso da posizioni marxiste, dichiarandosi un aristocratico «che ha accolto la verità del socialismo». Partecipò alla Unione della liberazione che nei primi del ’900 lottava per rovesciare lo zarismo; era un fervente ortodosso ma al tempo stesso un anticlericale – nel 1916 pubblicò Il senso della creazione. Saggio per la giustificazione dell’uomo, il nucleo del suo pensiero religioso, in contrasto con la Chiesa. Irascibile, irrequieto, pignolo, intrattabile, solitario, resta tra i più significativi filosofi religiosi della emigrazione russa, di sé racconta nella sua Autobiografia spirituale, riproposta da Jaca...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi