closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Beppe Sala affronta la sua prima (non) emergenza profughi

Milano. Il nuovo sindaco ha proposto di alloggiare al campo base di Expo alcune centinaia di profughi che non trovano posto nelle strutture di accoglienza e sono costretti a dormire per strada. L'idea è stata respinta dal governatore della Lombardia Roberto Maroni e dal centrodestra al gran completo. Il Comune di Milano intanto sta cercando di stipulare delle convenzioni con alcuni alberghi. L'assessore al welfare Pierfrancesco Majorino: "Fino ad oggi abbiamo offerto posti a tutti e continueremo a farlo"

Bisogna dare assistenza a qualche centinaio di persone. Sono sopravvissuti. Si può fare, e dopo quello che abbiamo ascoltato in campagna elettorale sarebbe bello accoglierle a braccia aperte. Luglio, i milanesi anche questa estate sono costretti a vivere con un certo disagio (o vergogna) la presenza di centinaia di profughi che dopo essere scampati alla morte hanno raggiunto Milano per ripartire verso nord, o per presentare domanda di asilo nella speranza di restare in Italia. La prima grana per la giunta di Beppe Sala è così prevedibile che potrebbe essere l'occasione per fare bella figura, considerando la grettezza della controparte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.