closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Beppe Caccia: «Criminale è chi sostiene i libici»

Migranti. Dopo la richiesta di archiviazione dei Pm di Agrigento, il capomissione di Mediterranea Beppe Caccia guarda avanti: «Pronti a tornare in mare, ma bisogna smettere di finanziare Tripoli»

Sulla Mare Jonio dei bambini giocano con un’attivista

Sulla Mare Jonio dei bambini giocano con un’attivista

La richiesta di archiviazione di tutte le accuse contro comandante e capomissione di Mediterranea per il soccorso del 9 maggio 2019 ha fatto notizia soprattutto per le sue motivazioni. I pm di Agrigento Salvatore Vella e Cecilia Baravelli hanno accolto in toto le ragioni delle Ong: rifiuto di consegnare i migranti ai libici; scelta dell’Italia come porto sicuro di sbarco; adeguatezza delle navi. Ne parliamo con uno dei due indagati, Beppe Caccia. In che clima politico si inseriva quel soccorso? Era l’epoca dei porti chiusi. Oggi sembra lontana, ma allora furono la determinazione dei migranti in fuga dalla Libia e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.