closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Beni confiscati alle mafie, ora anche Roma ha un regolamento

Anti.mafia. L'impegno della Rete dei numeri Pari che ha contributo a definire meglio le proposte. A Ostia confiscati beni al clan Fasciani per 18 milioni di euro

La città di Roma ha il primo regolamento per i beni confiscati alle mafie. L’approvazione della delibera è avvenuta con il voto determinante delle opposizioni, a causa dell’assenza di diversi consiglieri del Movimento 5 Stelle. Durante la votazione in consiglio comunale, avvenuta il 21 giugno, si è vista anche la sindaca Virginia Raggi. Obiettivo è "dare regole certe nell'acquisizione, gestione e destinazione degli immobili confiscati, che nella Capitale si stimano essere una settantina. Il bene confiscato alla mafia deve essere utile ai cittadini", ha spiegato la prima firmataria Valentina Vivarelli (M5S). Ad esempio gli immobili in questione potranno diventare centri...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.