closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Beltramo, il viaggiatore orientalista

Scaffale. «Tra Siena, l’Oriente e la curia. Beltramo di Leonardo Mignanelli e le sue opere» di Nelly Mahmoud Helmy. Un libro importante per la conoscenza del condottiero mongolo e l'immaginario di quell'epoca, edito l'Istituto storico italiano per il Medioevo

Tamerlano

Tamerlano

Nel corso del secolo XIII, i mongoli avevano dato vita a un impero continentale che andava dalla Cina alla Persia e, nella compagine settentrionale, alla Russia; un impero che nella sua struttura unitaria non era durato a lungo, ma che aveva segnato la storia del continente. Diversi viaggiatori europei, da Giovanni di Pian del Carpine a Guglielmo di Rubruck a Marco Polo, approfittarono della cosiddetta Pax Mongolica per raccogliere informazioni essenziali a proposito di un Oriente fino a quel momento sconosciuto. Il grande khanato del Ciaghatay, compreso tra il fiume Oxus (l’odierno Amu Darya) e la Mongolia, si era diviso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi