closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Belén e le altre: arrestate e perseguitate per «omicidio aggravato»

Argentina. Il suo caso è un simbolo e ha mobilitato migliaia di manifestanti: Belén nel 2014 è stata condannata a 8 anni di carcere per un aborto spontaneo. Il 21 marzo del 2014 la giovane è arrivata al pronto soccorso dell’ospedale di Tucumán, una città del nord dell’Argentina. Aveva fortissimi dolori e un’emorragia vaginale. Mentre le prestavano soccorso i medici dell’ospedale l’hanno denunciata sostenendo che si fosse procurata un aborto clandestino

Belén è un nome di finzione. È stato scelto per proteggere la vera identità di una donna argentina di 27 anni. Il suo caso è un simbolo e ha mobilitato migliaia di manifestanti: Belén nel 2014 è stata condannata a 8 anni di carcere per un aborto spontaneo. Il 21 marzo del 2014 la giovane è arrivata al pronto soccorso dell’ospedale di Tucumán, una città del nord dell’Argentina. Aveva fortissimi dolori e un’emorragia vaginale. Mentre le prestavano soccorso i medici dell’ospedale l’hanno denunciata sostenendo che si fosse procurata un aborto clandestino. Belén è stata trasferita direttamente dall’ospedale al carcere ed...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi