closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Dal Beitar Jerusalem un assist per Trump

Dopo la scelta di spostare l'ambasciata. Cambia nome la squadra più controversa del calcio israeliano per i suoi reiterati comportamenti xenofobi

Gli ultras del Beitar allo stadio

Gli ultras del Beitar allo stadio

Il cognome Trump finisce anche nel calcio, dopo tanto wrestling. In omaggio al trasferimento dell’ambasciata Usa a Gerusalemme, il Beitar, uno dei club più famosi (sei titoli nazionali vinti) e controversi - per le reiterate condotte xenofobe - d’Israele, ha inserito la parola «Trump» nella sua denominazione, che da ieri è «Beitar Trump Jerusalem». «Per la sua capacità di fare la storia. Amiamo il Presidente e vinceremo», si leggeva nel comunicato del club. Insomma, calcio, intolleranza e politica vanno di nuovo a braccetto, come avveniva cinque anni fa, con la tifoseria del Beitar – mai un palestinese ingaggiato in 80...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.