closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Dal Beitar Jerusalem un assist per Trump

Dopo la scelta di spostare l'ambasciata. Cambia nome la squadra più controversa del calcio israeliano per i suoi reiterati comportamenti xenofobi

Gli ultras del Beitar allo stadio

Gli ultras del Beitar allo stadio

Il cognome Trump finisce anche nel calcio, dopo tanto wrestling. In omaggio al trasferimento dell’ambasciata Usa a Gerusalemme, il Beitar, uno dei club più famosi (sei titoli nazionali vinti) e controversi - per le reiterate condotte xenofobe - d’Israele, ha inserito la parola «Trump» nella sua denominazione, che da ieri è «Beitar Trump Jerusalem». «Per la sua capacità di fare la storia. Amiamo il Presidente e vinceremo», si leggeva nel comunicato del club. Insomma, calcio, intolleranza e politica vanno di nuovo a braccetto, come avveniva cinque anni fa, con la tifoseria del Beitar – mai un palestinese ingaggiato in 80...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi