closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Beffa ex Embraco: niente cigs, 400 licenziamenti

Crisi Infinite. Il curatore fallimentare si rifiuta di fare domanda per la cassa integrazione. L'ultima speranza è un emendamento al decreto Sostegni. La rabbia dei sindacati

Un lavoratore ex Embraco

Un lavoratore ex Embraco

Beffati in extremis i 400 lavoratori ex Embraco di Riva di Chieri (Torino). Con un’incredibile decisione il curatore fallimentare ha rifiutato la cassa integrazione Covid, nonostante quanto sostenuto dai tecnici del ministero del Lavoro al tavolo convocato venerdì scorso dal Mise. E così restano confermati, quindi, i licenziamenti dei 400 lavoratori ex Embraco, per i quali l'inizio della procedura era fissatoper ieri: la procedura di licenziamento collettivo si chiude con un mancato accordo e questo significa che a breve partiranno le lettere per i licenziamenti. Dura la reazione di Fim, Fiom e Uilm. L'assessora piemontese al Lavoro, Elena Chiorino, ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi