closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Beckett», l’incubo ad aria condizionata di un turista per caso

Locarno 74. Il film d'apertura del festival è un thriller politico con John David Washington e Alicia Vikander, regia di Ferdinando Cito Filomarino

Il Festival riparte in presenza, dopo la parentesi pandemica dello scorso anno, con un nuovo direttore artistico, Giona A. Nazzaro, che subito mostra di non avere pregiudizi. Al punto da scegliere come film inaugurale in piazza Grande, in prima mondiale, un’opera targata Netflix (visibile su piattaforma in Italia e in Grecia a partire dal 13 agosto) e soprattutto un film di genere: Beckett di Ferdinando Cito Filomarino. Siamo di fronte alla classica caccia all’uomo incolpevole che, suo malgrado, si ritrova al centro di un complotto che ha come scenario di fondo la situazione politica greca. Beckett (nome scelto come omaggio,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.