closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Battisti, sciopero della fame contro l’isolamento

Carcere. L’isolamento doveva durare sei mesi, ma al termine di quel semestre Battisti è stato posto in regime di «alta sorveglianza» e destinato al carcere di Oristano, dove, essendo il solo sottoposto a quel regime, è rimasto isolato fino al settembre 2020

Cesare Battisti è in sciopero della fame dal 2 giugno. Ha perso poco meno di 10 kg, è in condizioni di salute precarie e chiede solo di uscire dall’isolamento di fatto in cui viene tenuto, illegalmente, da quando all’inizio del 2019 fu riportato in Italia, accolto da due ministri travestiti uno da carabiniere e l’altro da guardia penitenziaria. L’isolamento doveva durare sei mesi, ma al termine di quel semestre Battisti è stato posto in regime di «alta sorveglianza» e destinato al carcere di Oristano, dove, essendo il solo sottoposto a quel regime, è rimasto isolato fino al settembre 2020. Poi,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.