closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Basta scienziati naturali e sociali: arbitri della crisi siano gli storici

Armitage, britannico, e Jo Guldi, americano: il loro «Manifesto per la storia», ora da Donzelli, rilancia il ruolo della «lunga durata». Discutiamo

Gerhard Richter, «Grosse Sphinx von Giseh», 1964, collezione privata, courtesy Fine Art & Project, Mendrisio

Gerhard Richter, «Grosse Sphinx von Giseh», 1964, collezione privata, courtesy Fine Art & Project, Mendrisio

Manifesto per la storia Il ruolo del passato nel mondo d’oggi di David Armitage e Jo Guldi (trad. Davide Scaffei, Donzelli «Saggine», pp. 296, euro 22,00) è un libro bifronte. Ha motivazioni politiche e sociali impellenti. Tuttavia si presenta nel modo pacato e compendiario della migliore rassegna bibliografica. I suoi bersagli polemici sono la microstoria da un lato; le tecnocrazie globali dall’altro. Perché la microstoria non funziona, per Armitage e Guldi? Non funziona oggi, dopo aver funzionato assai bene in passato, perché, a circa cinque decenni dalla sua diffusione, ha ormai smarrito quelle premesse di «azione» e intervento militante che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.