closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

«Basta alle multinazionali che prendono e se ne vanno»

Intervista a Francesca Re David . La segretaria generale della Fiom: «Bene il premier a Taranto, ma ora ci convochi assieme all’azienda. Solo la lotta degli operai Whirlpool ha dato risultati. Paghiamo venti anni di mancata politica industriale. Serve intervento pubblico temporaneo o strutturale come in Francia».

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte durante la visita all'acciaieria di Taranto

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte durante la visita all'acciaieria di Taranto

Francesca Re David, segretaria generale della Fiom, un presidente del consiglio ad una assemblea di fabbrica è un inedito assoluto: come valuta la visita di Giuseppe Conte a Taranto? È stato un atto importante, un gesto significativo. Taranto è una città difficile, vive almeno dal 2012 in una situazione drammatica in cui il rapporto industria-ambiente è messo in discussione. Il processo «Ambiente svenduto» ne è l’emblema: noi come Fiom siamo parte civile per i tanti casi da noi denunciati di mancato rispetto delle prescrizioni ambientali nell’acciaieria. Davanti ad una città dilaniata noi cerchiamo di mantenere un rapporto con molte associazioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.