closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Barghouti rompe gli indugi e si candida, Fatah nel caos

Territori occupati/elezioni. Il Mandela palestinese in carcere in Israele si presenterà anche alle presidenziali contro Abu Mazen. I sondaggi gli danno ragione. E avanza lo spettro di un rinvio del voto

Mancava ieri sera solo l’ufficialità ma Marwan Barghouti, il «Mandela palestinese» che sconta cinque ergastoli in una prigione israeliana, rompendo clamorosamente i rapporti con il suo partito, Fatah, ha chiesto ai suoi sostenitori di raccogliere le firme necessarie, nelle ultime 24 ore disponibili prima della scadenza fissata dalla Commissione elettorale, per presentare una sua lista indipendente al voto del 22 maggio quando i palestinesi di Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est saranno chiamati a scegliere i deputati del Consiglio legislativo dell’Anp. La notizia ha avuto l’impatto di un violento terremoto nella asfittica politica interna palestinese. Barghouti intende presentarsi anche alle presidenziali...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi