closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Banlieues, il «disastro» di Hollande

Francia. Secondo turno, il voto popolare tra soprusi e impunità: «Dal 2007 ben 47 persone decedute per intervento fuori misura degli agenti»

Malgrado uno dei suoi simboli sia già diventato il 33enne Mounir Mahjoubi, figlio di un muratore marocchino e cresciuto alla fine del XII arrondissement di Parigi, ai confini della prima cintura periferica della capitale, appena nominato ministro degli Affari digitali, lo sguardo degli abitanti delle banlieue su questo debutto dell’«era Macron» resta incerto. Per quanto incarni, sulla carta, la possibilità di un vasto cambiamento, forse anche nel segno dell’equità, il profilo del nuovo presidente appare a molti abitanti dei quartieri popolari di Francia come quello di un politico che rappresenta soprattutto «chi ce l’ha fatta». Lo stesso Mahjoubi è del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.