closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Balzac, dopo che il pianto e il riso si sono ritirati

Classici ritradotti. Altro che uguaglianza e fraternità: alla Rivoluzione è seguita una giungla democratica governata dal denaro e dal sopruso. Emblema delle vittime, «Pierrette» è la ingenua protagonista di un capitolo tra i meno conosciuti della «Comédie»: da Sellerio

Anne-Louis Girodet  de Roussy-Trioson,  Ritratto di Benoît-Agnes Trioson detta «Ruehaus», 1800

Anne-Louis Girodet de Roussy-Trioson, Ritratto di Benoît-Agnes Trioson detta «Ruehaus», 1800

Romanzo preziosissimo, commovente e cinico, storico e satirico, turpe e morale, Pierrette è una perla sperduta nell’oceano della Commedia umana, uno di quei libri che non si finisce mai di interpretare, perché è difficile ingabbiarlo in una formula, e ogni senso che gli attribuiamo ne fa sorgere un altro e poi un altro ancora. Romanzo riuscito, senza dubbio, ma anche imperfetto, come sempre nell’opera di un romanziere a cui si perdonano volentieri tutte le imperfezioni, anche tutti i difetti, perché pesano così poco sul piatto della bilancia, rispetto al contrappeso delle sue straordinarie qualità. Ha fatto bene Pierluigi Pellini a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi