closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Baby Driver», l’asso del volante in una sinfonia di lamiere colorate

Cinema. Il film di Edgar Wright è il nuovo «enfant prodige» dell’estate Usa altrimenti dominata dai blockbuster. In Italia uscirà il 7 settembre

Un action thriller con l’anima di un musical orchestrato da un juke box. È Baby Driver, (nelle sale italiane il 7 settembre come Baby Driver - Il genio della fuga ) nuovo enfant prodige dell’estate cinema americana dopo la pink revolution di Wonder Woman. Come il film di Patty Jenkins (con cui condivide anche l’unanimità del favore critico), l’ultimo lavoro dell’inglese Edgar Wright porta un soffio d’aria fresca, di imprevedibilità e di ambizione nell’afa delle uscite «blockbuster», su cui caleranno molto presto le truppe del nolaniano Dunkirk (in Italia il 31 agosto). Più conosciuto e amato in Inghilterra e Usa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.