closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Azucena non è la zingara, ma la nostra sorella d’Italia

Opera. Al Circo Massimo, «Il trovatore» di Giuseppe Verdi diretto da Daniele Gatti

Arriva il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e l’orchestra e il coro, guidati da Daniele Gatti, attaccano l’inno di Mameli. Non è a volte che una cerimonia obbligata. Ma questa volta l’inno commuove, si ascoltano anche le parole. E sembrano il ritratto dell’Italia di adesso: «noi siamo da secoli / calpesti, derisi, / perché non siam popolo, / perché siam divisi …». Un partito politico oggi si fregia del primo verso. Ma si ha la percezione che l’Italia di Mameli e quella che vedremo sulla scena, dove si rappresenta Il trovatore, l’Italia sognata da Verdi, non è quella di oggi....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.