closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Campione idealista e provocatorio

Muhammad Ali. Nell’era della televisione, dove un premio non si nega proprio a nessuno, questo re del ring pronto ad esporsi per difendere non solo i propri diritti, ma quelli di molti altri, ha rappresentato un esempio indiscutibile

Nel 1967 Muhammad Ali recitò questi versi durante il discorso sull’obiezione di coscienza: «The Draft is about White People sending Black People to fight Yellow People to protect the country they stole from the Red People». Una traduzione, inevitabilmente approssimativa e che rende solo vagamente la forza espressiva e la «metrica dei versi» di Ali, potrebbe essere la seguente: «Il Progetto è che i Bianchi mandino i Neri a combattere i Gialli per proteggere un paese che hanno rubato ai Rossi». Questa invenzione, rileggendola adesso, sembra un rap ante literam che ribadisce la poliedricità di un personaggio come lui. Forse...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.