closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Avi Mograbi e la realtà sul palco

Berlinale. Il regista parla del suo nuovo film «Between Fences», ambientato in un centro di detenzione in Israele in cui sono rinchiusi i rifugiati eritrei e sudanesi

La proiezione era sold out da giorni, l’incontro col pubblico è stato lungo , acceso, caloroso. Avi Mograbi è inesauribile, Between Fences, il suo nuovo film che dopo il Forum aprirà il prossimo marzo il festival Cinéma du Reel, segna un passaggio nel suo cinema. Per la prima volta non si parla di medioriente attraverso il conflitto tra Israele e Palestina, e lui, Avi, non è il protagonista narratore della storia. Anche se la società israeliana è molto presente tra le mura del centro di detenzione in cui sono rinchiusi per mesi i rifugiati, eritrei, sudanesi che vogliono vivere in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.