closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Autobomba al bazar di Paktika, 89 morti in Afghanistan

Afghanistan. I talebani non rivendicano, mentre Abdullah e Ghani, via Kerry, si accordano

Afghanistan, l'attentato all'autobomba

Afghanistan, l'attentato all'autobomba

Almeno 89 morti, dozzine di ferite, famiglie distrutte, corpi insanguinati nei giorni del Ramadan, la più importante festività islamica. L’attentato suicida avvenuto ieri nella provincia orientale afghana di Paktika è uno dei più sanguinosi della storia recente di un paese già troppo martoriato. Il metodo usato rientra nella tragica, ormai classica, casistica locale: un’autovettura sportiva Toyota imbottita di esplosivo e lanciata contro il bazar principale del distretto di Urgun, tra i più vitali fino a ieri mattina, ora simbolo di una guerra stupida che non vuole finire, nonostante le novità politiche degli ultimi giorni e l’intesa ritrovata (per ora) tra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi