closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Autentica la firma di Walesa, aiutò i servizi segreti

Lech Walesa

Lech Walesa

Lech Walesa è stato un informatore degli ex-Servizi di sicurezza polacchi (Sb), almeno prima di fondare Solidarnosc. È questa la tesi definitiva dell’Istituto della memoria nazionale (Ipn) dopo una perizia calligrafica eseguita dall’Istituto di scienze forensi (Ies) di Cracovia. La reputazione di Walesa ne esce così scalfita ma non compromessa. L’Ipn aveva già deciso lo scorso anno di divulgare ai media polacchi i dossier sul sindacalista di Solidarnosc prima ancora di eseguire degli accertamenti sui documenti di cui era venuto in possesso. Le cartelle che accusano Walesa erano state ritrovate in casa della vedova del generale Czeslaw Kiszczak, numero due...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.