closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Australia 1929, nel dolce paese dell’ingiustizia

Cinema. In concorso «Sweet Country», il film di Warwick Hornton che mette al centro ancora una volta gli aborigeni australiani massacrati in quegli anni, e ancora oggi, dal colonialismo europeo

Hamilton Morris

Hamilton Morris

Sweet Country, il paese dolce, è l’Australia del 1929 di Warwick Thornton, il regista che nel suo nuovo film, nel concorso veneziano, come già nel precedente Samson and Delilah, mette al centro della narrazione gli aborigeni australiani massacrati in quegli anni, e ancora oggi, dal colonialismo europeo. Leggi indecenti, nessuno stato civile, razzismo sfrenato, come in America nel paesaggio western di cui il film condivide gli orizzonti. Una coppia di aborigeni Sam e Lizzie accusati di omicidio sono costretti alla fuga, lui ha ucciso un uomo bianco, lo ha fatto per difendersi, ma la società, chi la domina, i padroni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.