closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Attivisti pro-kurdi picchiati, frizioni tra Usa e Turchia

Proteste. Ankara convoca l'ambasciatore americano dopo i fatti di Washington: il 16 maggio le guardie del corpo di Erdogan hanno aggredito dei manifestanti, due giorni fa il segretario di Stato Tillerson l'ha definito «inaccettabil

Il governo turco ieri ha convocato l’ambasciatore statunitense ad Ankara per protestare contro «l’aggressivo e non professionale» comportamento della polizia americana durante la visita del presidente Erdogan a Washington. Quel giorno, il 16 maggio, le guardie del corpo di Erdogan e membri dei servizi segreti (alcuni in abiti civili) aggredirono brutalmente manifestanti pro-kurdi che si erano ritrovati davanti alla sede dell’ambasciata turca a Washington. Il segretario di Stato Tillerson, due giorni fa, ha definito la violenza «inaccettabile» e ha convocato l’ambasciatore turco. Da qui la reazione di Ankara, secondo cui i poliziotti presenti non avrebbero garantito un’adeguata protezione permettendo a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.