closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Alias

Attenti a quei due

Possibile che The Boris abbia alfine abbandonato la buona vecchia idea di immunità di gregge per addivenire a più vili consigli? Non credo proprio: è come se Winston Churchill dopo aver promesso alla popolazione lacrime e sangue, avesse d’improvviso cambiato idea e promesso agli inglesi divano e Netflix. Dai!
Vero è che da qualche giorno, Johnson ha in effetti chiuso le scuole ma quando gli studenti dai banchi di classi potenzialmente infetti, si sono trasferiti in massa ai per certo ancor più infetti banconi di pub, lui non ha chiuso un occhio… li ha chiusi tutti e due.

Perché The Boris potrà magari cambiare il suo buffo pelo ma non il vizio, e nemmeno il suo potentissimo spin doctor, il famigerato Rasputin della Brexit: Dominic Cummings detto «Dom». E state certi che finché a sussurrare all’orecchio dell’inquilino di 10 Downing Street ci sarà un tale «psicopatico in cerca di fama» (©David Cameron), l’idea d’una salvifica selezione naturale che renda il Regno Unito più bello e più forte che pria, difficilmente finirà in soffitta. Come dimenticare che quando Dom si occupava di Pubblica Istruzione non faceva che recitare lo stesso mantra da mane a sera? «il 70% dei risultati degli studenti dipendono dalla genetica». A parer suo quindi, lo Stato buttava nella spazzatura milioni di sterline. L’idea non fece breccia ma Dom sì… e quel chiodo fisso di non sprecare tempo e risorse con le cause perse, è ora pensiero dominante del Governo di Sua Maestà in lotta col Corona. È bastato che con Boris, Dom ritirasse fuori la vecchia storiella di Sparta e Atene. «Gli spartani», ha pontificato alla quarta pinta, «abbandonavano i bambini malati o troppo gracili sul monte Taigeto in balia di fiere e intemperie… e mentre quei fessi degli ateniesi dilapidavano una fortuna in pediatri, fisioterapisti e insegnanti di sostegno, grazie a un geniale Sistema Sanitario Nazionale a costo zero, gli spartani gli hanno fatto il culo. Proprio come faremo noi a quei fessi degli europei che insistono a salvare vecchi e malati che pesano sul debito pubblico come quel ciccione di Donald quando cavalca la povera Melania… ».

Sparta dunque, la stella polare di Donald&Dom alla quarta pinta… ma non mettiamo limite al tasso alcolico: come escludere che alla quinta, alla sesta pinta, a quei due non torni pure in mente di come il dottor Mengele, al primo segnale di malattia infettiva in uno dei suoi capannoni a Birkenau, per fermare il contagio accoppava direttamente tutti i prigionieri?


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna