closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Attentati contro l’alleanza Fatah-Hamas

Striscia di Gaza. Una dozzina di esplosioni a scopo intimidatorio hanno preso di mira, senza causare danni alle persone, figure di spicco di Fatah, il partito di Abu Mazen che ora punta l'indice contro Hamas. Il movimento islamico nega con forza. Si valuta con scetticismo una rivendicazione giunta dall'Isis. I palestinesi non escludono un'azione di collaborazionisti di Israele.

Può ritenersi soddisfatto chi da mesi lavora contro la riconciliazione tra Fatah e Hamas. La dozzina di attentati intimidatori compiuti ieri poco dopo l’alba contro automobili, abitazioni e proprietà di dirigenti del partito guidato dal presidente Abu Mazen e contro il palco allestito per la commemorazione di Yasser Arafat, ha avuto l’effetto sperato da chi ha pianificato l’attacco. I vertici di Fatah e dei servizi di sicurezza dell’Anp puntano l’indice contro Hamas. Sostengono che il movimento islamico, che controlla Gaza dal 2007, non poteva essere all’oscuro di un attacco ampio, preparato con cura da mani esperte. La tesi è fondata,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.