closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Attacco a sorpresa del califfo contro Tal Abyad

Siria. L'Isis entra nella città liberata due settimane fa dai kurdi delle Ypg. Due donne siriane decapitate perché accusate di stregoneria: oltre 3mila le vittime degli islamisti in un anno

Miliziani dello Stato Islamico

Miliziani dello Stato Islamico

Sarebbero oltre 3mila le persone giustiziate dai miliziani del califfo al-Baghdadi in un anno di occupazione di Siria e Iraq. Uccisi con armi da fuoco, decapitati, crocifissi, lapidati. Ma finora a nessuna donna era stata tagliata la testa. Anche quel limite è stato superato: due donne accusate di stregoneria sono state decapitate in Siria a Mayadeen, nella provincia di Deir al-Zor. Lo ha riportato l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani: «Lo Stato Islamico ha giustiziato due donne, decapitandole. È la prima volta che l’Osservatorio documenta di uccisioni di donne in questo modo». Sarebbero state uccise insieme ai mariti (anch’essi accusati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.