closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Attacco a Bengasi, gli Usa si assolvono

Libia. Secondo la Commissione Intelligence della Camera, l'11 settembre 2012 Casa Bianca e Cia non commisero errori. A gennaio il Senato parlò di «attacco prevedibile»

Il console Usa Stevens, ucciso a Bengasi l'11 settembre 2012

Il console Usa Stevens, ucciso a Bengasi l'11 settembre 2012

Gli Stati uniti si autoassolvono: l’attacco al consolato di Bengasi dell’11 settembre 2012, in cui persero la vita il console Stevens, un funzionario e due contractor della Cia, non dipese da errori né insabbiamenti del governo. È la conclusione a cui è giunta ieri la Commissione Intelligence della Camera. «Migliaia di ore di inchiesta dettagliata» dimostrano, secondo la commissione (a maggioranza repubblicana), che la Cia «garantì la sicurezza sufficiente e, senza che gli venisse richiesto, seppe assistere con coraggio il Dipartimento di Stato la notte dell’attacco. Il personale Usa prese decisioni tattiche ragionevoli: la Cia ricevette il sostegno militare disponibile»....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.