closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

AstraZeneca, il Cts al governo: «Decisione puramente politica»

Vax o non vax. L’Aifa ribadisce il basso tasso di reazioni avverse ma gli scienziati lasciano la palla nelle mani del ministro Speranza per le linee guida

L’Open Day a Bologna lo scorso 2 giugno

L’Open Day a Bologna lo scorso 2 giugno

Il parere scientifico è chiaro: «Il tasso di segnalazione delle trombosi venose intracraniche e in sede atipica in soggetti vaccinati con Vaxzevria (AstraZeneca, ndr) è in linea con quanto osservato a livello europeo (1 caso ogni 100.000 prime dosi somministrate, nessun caso dopo seconda dose), prevalentemente in persone con meno di 60 anni», scrive l’Aifa nel quinto Rapporto sulla sorveglianza dei vaccini pubblicato ieri. Quella che manca però è la decisione politica: cosa fare delle dosi acquistate dei vaccini Astrazeneca e Johnson & Johnson, se non andassero più somministrate agli under 60, considerando anche il mutato quadro epidemiologico? E come...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi