closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Astensione: non chiamatelo disinteresse

Anche le elezioni amministrative di domenica 5 giugno vedono affermarsi quale «primo partito» quello dell’astensione, in crescita peraltro (nel complesso, gli astensionisti sono aumentati di 5 punti percentuali rispetto alle elezioni precedenti). Ma siamo sicuri che si tratti di una crisi della partecipazione politica? O non dovremmo piuttosto parlare di crisi di legittimità dei partiti, non più percepiti quali vettori di partecipazione politica efficace? Non sarebbe quindi meglio parlare di crisi della partecipazione elettorale? Se guardiamo alla società contemporanea, è possibile notare la compresenza di processi diversi: alla crescita dell’astensionismo si accompagna l’aumento di altre forme di partecipazione, che la scienza...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.