closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Assolto Marino: «Romani ingannati». Il mandante è il Pd

Non colpevole, finisce il processo sugli scontrini e sulla sua onlus. L’ex sindaco: «Il mio impegno per Roma e il Paese prosegue»

Roma, festeggiamenti sotto casa di Ignazio Marino dopo l’assoluzione

Roma, festeggiamenti sotto casa di Ignazio Marino dopo l’assoluzione

Le nubi si addensano sul bilancio del Campidoglio, Roma è ancora in attesa di capire se e come si muoverà la giunta insediatasi ormai da tre mesi, piovono richieste di archiviazione per Mafia capitale. Si riapre uno squarcio sul passato prossimo e ricompare un personaggio che pareva uscito di scena: ecco Ignazio Marino, il sindaco fatto fuori dal suo partito, la cui vicenda aveva certificato la crisi profonda del Pd romano. Marino era imputato di peculato e falso in relazione all’utilizzo della carta di credito del Comune e accusato di concorso in truffa per compensi destinati a collaboratori fittizi impiegati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi