closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Assange, Londra dice ancora no

WIKILEAKS. Il governo ecuadoregno chiede un salvacondotto. Ma la Gran Bretagna non cede

A un anno dall’asilo politico concesso a Julian Assange, il governo ecuadoregno torna a farsi sentire con quello britannico. Quito chiede a Londra di trovare «una soluzione dignitosa per tutte le parti interessate» basata sul diritto internazionale: ovvero la concessione di un salvacondotto che consenta al fondatore del sito Wikileaks di lasciare l’ambasciata ecuadoriana a Londra, dove ha trovato rifugio il 19 giugno del 2012. Il 16 agosto, il governo del socialista Rafael Correa gli ha concesso l’asilo politico, ma Londra ha continuato a presidiare le uscite della sede diplomatica, pronta a estradare in Svezia il quarantunenne attivista australiano, accusato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.