closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Assange e il senso del «cypherpunk»

È in preparazione l’attacco “chirurgico” alla Siria da parte degli Stati Uniti. L’ultima sequenza armata di una guerra da tempo in atto, quella che usa e attraversa la comunicazione nell’era digitale. Colpisce che solo ora diversi commentatori abbiano colto le polarità negative della dialettica presente nella magia tecnologica. Sorvegliare e controllare è la premessa per l’azione militare: e qui buoni e cattivi si confondono, come nell’«Armata a cavallo» di Jancsó, dove i soldati si scambiavano le divise… La globalizzazione contiene dentro di sé diversi aspetti autoritari e la rete, pur ricca di opportunità democratiche, «è stata trasformata nel più pericoloso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi