closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Italia

Aspettando l’arsenale della paura

San Ferdinando. Venerdì dovrebbe arrivare il cargo di armi chimiche dalla Siria. Un pasticcio all’italiana nella piana di Gioia Tauro mette in allarme la popolazione minacciata dall’iprite

Gioia Tauro

Gioia Tauro

Depliant incomprensibili, manifesti pochi, improvvisati e ancora da affiggere, piani di evacuazione ignoti a una popolazione ignara, esercitazioni al porto da dilettanti allo sbaraglio. Benvenuti a San Ferdinando dove venerdì, assicurano i lavoratori del porto, dovrebbe arrivare il cargo pieno di armi chimiche proveniente dalla Siria. Dovrebbe. Perché a queste latitudini hanno imparato a diffidare. E specialmente degli annunci governativi. Da 5 mesi, infatti, tutto è lasciato al caso. Solo promesse e rassicurazioni. L’Italia qui, nella piana di Gioia Tauro, non cambia verso. Tutt’altro. Superficialità e dilettantismo. Un pasticcio all’italiana. «Qualche settimana fa durante un’esercitazione al porto i lavoratori hanno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.