closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Asia, Africa e America latina: l’aspirazione globale della Cina in un vaccino

La geopolitica cinese durante la pandemia. Nelle prossime settimane la distribuzione dei vaccini sarà ancora più capillare: a febbraio arriveranno dosi nello Sri Lanka, in Messico, in Perù, ma anche in Brasile e Turchia

Il presidente indonesiano Joko Widodo riceve la seconda dose del vaccino cinese

Il presidente indonesiano Joko Widodo riceve la seconda dose del vaccino cinese

Dopo lo scoppio della pandemia, la Cina ha voluto riabilitare la sua immagine a livello internazionale, promuovendosi come leader mondiale nella lotta contro il virus. E l’unica arma per sconfiggere il nemico invisibile è il vaccino. La Cina ha subito preso il suo posto d’onore nella «diplomazia dei vaccini», conquistando lo scorso ottobre il primato di potenza mondiale per aver aderito al Covax, il programma lanciato dall’Oms per distribuire i sieri ai paesi meno sviluppati. I governi di tutto il mondo hanno ordinato milioni di dosi all’azienda farmaceutica di stato cinese Sinopharm, oppure hanno optato per sieri della SinoVac Biotech...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi