closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Ascolto in streaming, non tutto andrà perso di ciò che è perduto

Improvvisi. Per il settore della musica sinfonica e operistica l’uso delle tecnologie per l'ascolto «a distanza» non è una novità assoluta...

Fino a un anno fa, il termine «distanza» indicava lo spazio che separa fra loro luoghi, oggetti, persone. Poi l’accento si è spostato sull’atto stesso del distanziarsi, del mettere un determinato intervallo tra noi e l’altro, ed è dunque diventato un fenomeno sociale. Nelle sale da concerto, alla consueta distanza fisica tra chi suona e chi ascolta si è aggiunto l’obbligo di «contingentare» (altro termine che ha assunto una nuova accezione) lo spazio tra le persone in sala. E la musica, «classica» compresa, si è fatta strada spostandosi nell’esecuzione live a distanza, nella diffusione via streaming, in diretta oppure on...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi