closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«As I Want», presa di parola al femminile da Tahrir a oggi

Intervista. Parla Samaher Alqadi, regista del documentario che affronta la discriminazione delle donne nella società egiziana

«Fare questo film è stata un’esperienza paragonabile a un processo di guarigione» dice Samaher Alqadi - regista palestinese che da 18 anni vive in Egitto, dove si è trasferita per frequentare la scuola di cinema - del suo As I Want, documentario «nato dalla rabbia» e che approda a una maggiore consapevolezza di sé nonostante lo «schiaffo in faccia» rappresentato dal colpo di stato militare in Egitto, «come un sogno che si tramuta in un incubo». La rabbia nasce dallo stupro durante le proteste in piazza Tahrir, nel 2013, di un’amica della regista - come è accaduto ad altre decine...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi