closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Artisti di tutto il mondo: sbriciolatevi!

Pandemia. Qualche considerazione sullo stato dell’arte

Una violinista alla Biblioteca nazionale di Bucarest durante la

Una violinista alla Biblioteca nazionale di Bucarest durante la "maratona per la vaccinazione" anti Covid- 19

Cominciamo dalla pietra dello scandalo: lo Stato paga gli artisti per non lavorare. Domandiamoci, ora: perché lo Stato paga gli artisti per non lavorare? Da che mondo è mondo, se qualcuno paga è perché vuole qualcosa in cambio. Ma se lo Stato si accontenta di ricevere in cambio il non lavoro degli artisti, ciò vorrà dire semplicemente che lo Stato vuole in cambio che gli artisti non facciano gli artisti. Concludiamo geometricamente che lo Stato paga gli artisti perché la facciano finita. Chiarito questo punto, possiamo procedere oltre. Lo Stato non è cattivo. Non è nemico. Il fatto che stia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.