closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Artefici del proprio destino

Scaffale. «Lavoro senza padroni» di Angelo Mastrandrea (Baldini &Castoldi).​ La stagione delle fabbriche recuperate e i nuovi sognatori contemporanei: occupa, resisti, produci. Il racconto di un nuovo “socialismo” e l’economia della condivisione: ci si può sottrarre alla cattura della smart city?

Angelo Mastrandrea racconta un sogno: lavorare senza padroni. Per un paio d’anni ha viaggiato in Grecia, Francia, Italia. Ha incontrato gli operai della Montefibre di Acerra, nel cuore della terra dei fuochi, e ha raccontato il sogno realizzato delle fabbriche recuperate. Ha raccontato le vicende drammatiche della tv pubblica greca Ert, chiusa dal governo Samaras, occupata e recuperata dai giornalisti e lavoratori come ai tempi delle radio libere in Italia. Ha tracciato il profilo della rete «Solidarity4all» che non si limita al mutuo soccorso in Grecia, ma sostiene la nascita di un modello cooperativo per ricostruire il lavoro perduto. La...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi