closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Artaud, la vita è roba per invasati

Convegno. Alla Galleria nazionale e all'Università Roma3, due giorni in compagnia dell'«insorto del corpo», a partire dal libro collettaneo edito da ombre corte

Antonin Artaud

Antonin Artaud

Settanta volte Artaud, a settant’anni dalla scomparsa di Antonin Artaud (1896 – 1948), poeta, scrittore, disegnatore, attore cinematografico e teatrale, visionario e invasato, «perché la logica anatomica dell’uomo moderno è proprio di non aver mai potuto vivere, né pensare di vivere, che da invasato», come il suo struggente Van Gogh il suicidato della società. Così ecco due giornate romane, a partire dalla parabola artistica, poetica, lirica di Artaud, forse il più irregolare tra i grandi irregolari della prima parte del Novecento. Per esplorare l’(in)attualità estetica, politica, lirica di un pensiero vivo, tra teatro, cinema, letteratura, poesia, radiofonia, pittura, lavoro culturale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.