closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Arresti e revoca delle licenze, stretta di Erdogan sulle Ong

Turchia. Migliaia di organizzazioni turche chiuse da agosto dello scorso anno. E gli operatori stranieri vengono espulsi dal paese

Il lavoro delle Ong internazionali che operano in Turchia per fronteggiare l’emergenza umanitaria della guerra in Siria e Iraq si è complicato drammaticamente. Il 2017 ha già visto numerose revoche di licenze e l’allontanamento dal paese o addirittura l’arresto di operatori umanitari. L’intervento delle autorità turche sembra dettato da un lento ma inesorabile istinto ad ostracizzare organizzazioni di cui non si fidano né comprendono appieno. Ad aprile sono state bloccate quattro Ong: Mercy Corps, Bsa (americane), Inso (britannica) e l’italiana Cosv, tutte per ragioni di sicurezza nazionale. Quest’ultima ha poi precisato che «i permessi concessi dalle autorità e scaduti il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.