closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Arooj Aftab, voce ininterrotta dalla città-giardino

Intervista. La cantante pakistana racconta il suo nuovo album, «Vulture Prince»: «Ho cercato di tenermi alla larga dal pop»

Arooj Aftab somiglia un po’ a Nadia, la protagonista dello straordinario romanzo del pakistano Moshin Amid: è giovane, nata in una città del Medioriente sull’orlo della guerra, porta il velo a scuola ma sotto nasconde jeans e animo ribelle. Si fa le canne, scopa liberamente con Saeed, che ha incontrato al corso di grafica, e non ha paura di spalancare le porte che aprono le loro vite al mondo intero. «Non l’ho ancora letto ma mi era piaciuto molto il suo esordio, Il fumo della falena (uscito, come gli altri, per Einaudi)», racconta la musicista trentaseienne in una lunga chiacchierata intercontinentale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.