closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Armonia dietro corpi oversize

Incontri. Parla Kelly Jean Drinkwater, regista del documentario «Nothing to Lose». Artista e attivista del mondo delle body politics, ne racconta il percorso per venire alla luce

Kelly Jean Drinwater

Kelly Jean Drinwater

Meravigliosa, disgustosa, pigra stronza, ripugnante, stupenda. Una sequela di insulti e complimenti apre il documentario di Kelli Jean Drinkwater, Nothing to Lose, e fa da sfondo all’immagine di una ballerina che danza sul palcoscenico. Una ballerina non «tradizionale», come quelle che siamo abituati a vedere, ma molto grassa, così come gli altri protagonisti della coreografia rappresentata sul palco, che ha lo stesso titolo del film di Drinkwater ed è stata portata sulle scene del Festival di Sydney nel 2015 dalla coreografa e ballerina Kate Champion. «Ero interessata ai corpi «large» da un punto di vista coreografico – spiega Champion alla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.