closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

Armi all’Is, Strasburgo vuole vederci chiaro

Il Parlamento europeo approva risoluzione sulla trasparenza nell’export bellico. Due rapporti recenti, di Amnesty e dello Stockholm institute of peace research, mettono sotto la lente i commerci delle corporation armiere e ricostruiscono la storia delle forniture militari del Califfato. Con un avvertimento: Daesh si sta attrezzando a produrre negli ex impianti di Saddam

Vendita di armi in Yemen

Vendita di armi in Yemen

Opaco, maneggevole, smontabile come nei film di spie hollywoodiani, il fucile di precisione BushmasterX152S, è pubblicizzato in America, dov’è prodotto, come «l'arma perfetta per un killer». Nei video di propaganda più recenti è esibito anche dai guerrieri del Califfato come un gioiello crudele o il regalo di un Babbo Natale nero. Molte altre armi nuove, luccicanti, non vecchi ferri in dotazione all'esercito iracheno, arrivano all'Isis da paesi impegnati a combatterne l'avanzata, almeno ufficialmente: missili anticarro Milan prodotti in Belgio o in Francia, mortai turchi, fucili tedeschi, batterie anti-aeree statunitensi, tank russi, pick-up d’assalto coreani. È ciò che documenta il rapporto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi