closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Argentina-Olanda, una finale d’altri tempi

A Rio piacendo. Nel 1978 a Buenos Aires il sogno mondiale dell'Albiceleste passava per la battaglia conclusiva, senza esclusione di colpi, con Neeskens e compagni. Gli italiani presenti erano almeno due: l'arbitro Gonella in campo e Licio Gelli in tribuna, accanto al dittatore Videla

Messi e Lavezzi ieri in allenamento

Messi e Lavezzi ieri in allenamento

Il precedente più celebre di Argentina-Olanda, che stasera si contendono a San Paolo l’accesso alla sfida decisiva del 13 luglio, rimanda alla finale di Baires ’78, una partita che gli olandesi cominciarono a perdere il 24 marzo 1976. Quel giorno, dopo aver guidato il golpe ai danni di Isabel Martínez de Perón, il generale Jorge Videla, noto appassionato di pallacanestro, fu convinto dall’ammiraglio Emilio Massera a confermare l’organizzazione dei Mondiali del 1978. Per iniziare, la più sfacciata operazione di propaganda politica applicata allo sport dai tempi delle Olimpiadi naziste del 1936, aveva però bisogno di un ultimo benestare, che arrivò il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi