closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Argentina, il Nobel Esquivel scrive al giudice Usa che strozza il paese

Argentina. Fondi avvoltoi

Manifestazione a Buenos Aires per chiedere l'aumento dei salari

Manifestazione a Buenos Aires per chiedere l'aumento dei salari

«Non può mai essere considerato giusto privilegiare il capitale finanziario rispetto alla vita dei popoli». Così scrive Adolfo Perez Esquivel - premio Nobel per la pace argentino - al giudice statunitense Thomas Griesa. La sua lettera si unisce a quella dei vescovi, dei paesi del G-77+ Cina, e alle proteste degli organismi regionali come Unasur, Alba, Celac e a quella dei paesi socialisti e progressisti latinoamericani: dal Venezuela all’Uruguay, dall’Ecuador al Brasile. Il magistrato newyorchese ha sposato la causa dei possessori di fondi speculativi (i fondi avvoltoi), che chiedono al governo argentino di essere rimborsati (pienamente e con gli interessi)...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi