closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Commenti

Aresta, dal Sessantotto barese al Pci e al Manifesto

Ciao Giancarlo. Non si può non ricordare la sua scelta, che apparve sorprendente, ma fu rigorosissima, di dimettersi dal suo ruolo di assistente universitario. Quando avvenne la cosiddetta svolta della Bolognina, egli si oppose allo scioglimento del Partito comunista italiano e in seguito non volle aderire a nessuna formazione politica

La scomparsa di Giancarlo Aresta è un lutto assai doloroso per tutta la sinistra comunista. Penso in primo luogo alla sua presenza fervidamente rigorosa e incisiva nel Sessantotto barese: una presenza capace di contribuire a intrecciarne originalmente i due aspetti fondamentali, cioè la critica radicale, inaudita, degli assi culturali-formativi, dei nessi tra «scienza e capitale» da un lato e la irruzione della lotta politica nella vita quotidiana dall’altro. Erano come due stimmate (proprie anche di molti e molte di noi) che egli si portava addosso con una fermezza pensosa che appariva stranamente dolce.

Negli anni del cosiddetto «secondo biennio rosso» (’68-’69), la casa di Giancarlo e della sua compagna Alba Sasso divenne un luogo permanente di dibattito, di riflessione e di vita politica, in cui veniva abolito, in una sorta di «utopia concreta», il concetto stesso («borghese») di tempo libero: tra inni partigiani, canzoni di lotta, citazioni di testi sacri del movimento operaio.

Esaurita la spinta propulsiva di quel biennio, Giancarlo decise, con altri e altre, di iscriversi al Pci, tra le cui file svolse poi con passione puntigliosa la sua attività militante sino a diventarne segretario provinciale.

Non si può non ricordare la sua scelta, che apparve sorprendente, ma fu rigorosissima, di dimettersi dal suo ruolo di assistente universitario. Quando avvenne la cosiddetta svolta della Bolognina, egli si oppose, come molte e molti di noi a Bari, allo scioglimento del Partito comunista italiano e in seguito non volle aderire a nessuna formazione politica. Per anni ha lavorato con tenacia al Manifesto: mi piace pensare, anzi sono convinto, che Giancarlo, con ferma e pudica convinzione, abbia vissuto questo lavoro come un lavoro intimamente politico.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna