closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Arcuri l’inamovibile resisterà ancora: tutti lo criticano, nessuno lo caccia

Il Super Commissario. L’ipotesi più probabile è l’affiancamento di un medico sulla vaccinazione. Nominato da Conte, si prepara a incontrare Draghi per «mantenere quello che è possibile mantenere», come spiega un suo collaboratore, «sicuro che qualcosa manterrà»

Domenico Arcuri è stato confermato da tutti i governi e da tutti i partiti. Dal 2007 dirige Invitalia, il braccio operativo del ministero dello Sviluppo con cui doveva salvare le aziende in crisi. Non ne ha salvata una: da Termini Imerese ad Alcoa, da Embraco a Piombino, solo per citare le più grandi e lunghe. Però nessuno lo ha mai rimosso. Con Giuseppe Conte è diventato commissario alla pandemia, mantenendo l’incarico precedente. Incarico che negli ultimi mesi è diventato ancora più imponente: nel frattempo Invitalia è entrata come azionista di maggioranza nell’ex Ilva. Arrivato Draghi, la nuova maggioranza extralarge si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi