closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Approvata la nuova riforma elettorale di Hong Kong. Pechino ottiene maggiori poteri

Asia. Per accedere alle cariche pubbliche, i candidati saranno valutati dall’ufficio della polizia per la difesa della Sicurezza nazionale. Rinviate nuovamente le elezioni del Legislative Council

Hong Kong

Hong Kong

Nuovo sistema elettorale con caratteristiche di Hong Kong. Così viene definita, con una punta di ironia amara, la riforma del sistema delle consultazioni dell’ex colonia britannica, che ieri ha ricevuto il semaforo verde dal Comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo. Con 167 voti favorevoli e zero contrari, l’organo del Partito comunista cinese ha approvato all’unanimità gli emendamenti all’allegato 1 e all’allegato 2 della Basic Law, la carta costituzionale di Hong Kong. Il piano di riforma, secondo quanto presentato dai media statali cinesi, ha l’esplicito obiettivo di prevenire l’ingresso degli «elementi antipatriottici», ma soprattutto mira ad assicurare l’assenza delle forze secessioniste...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi