closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Appello degli occupanti: «Intellettuali cercasi»

Torino. La «Cavallerizza» teme lo sgombero. L’Assemblea 14:45 intensifica l’offerta culturale per evitare la privatizzazione del bene pubblico

Quanto vale sul marcato la Cavallerizza Reale di Torino, palcoscenico barocco tra i più belli della città, oggetto di lungo degrado, scontata cartolarizzazione e recente «occupazione» da parte dell’Assemblea Cavallerizza 14:45? Quanto vale un bene pubblico abbandonato a se stesso e messo sul mercato per fare cassa, un bene pubblico sede di un Teatro Stabile che a sua volta annaspa in difficoltà economiche dovute a tagli? La risposta l’ha data ieri sera un celebre architetto torinese che preferisce rimanere anonimo: una somma tendente a zero. Perché il mercato è inflazionato da immobili pubblici messi in vendita per raggranellare qualche spicciolo,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi