closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Visioni

Aperta solo la metà delle sale, rispetto al 2019 incassi -89,95%

Cinema. I dati cinetel della giornata post ordinanza: il box office è di 105.203 euro

I dati Cinetel sulla giornata del 5 marzo – la prima post ordinanza – illustrano il momento peggiore per le nostre sale: l’incasso totale dei cinema è di 105.203 euro, meno 89,95% rispetto alla giornata analoga del 2019, in cui il box office complessivo ammontava a 1.046.867 euro.

A restare aperti dopo il decreto sono 1.946 schermi: la metà a confronto con l’anno scorso, quando se ne contavano 3.893. Un altro dato rende conto dell’emorragia: gli ingressi al cinema di ieri sono stati 18.865, nel 2019 erano 129.470. In testa a questo box office ai tempi della crisi Coronavirus c’è Volevo nascondermi di Giorgio Diritti, uscito il 4 marzo sfidando il clima generale e la chiusura delle sale del nord, e che ieri ha totalizzato 19.165 euro. L’anno precedente il film più visto era Captain Marvel con un incasso di 537.485 euro. Anche rispetto alla settimana scorsa – quando già era stata imposta la chiusura delle sale nelle regioni e province del nord più colpite – il confronto è impietoso: gli incassi sono ulteriormente scesi del 44.10% .

E A VENIRE gravemente colpiti dall’emergenza non sono solo le sale, ma i film stessi e chi ci lavora: ieri la presidente della sezione produttori dell’Anica (Associazione nazionale industrie cinematografiche audiovisive e multimediali) Francesca Cima ha convocato una riunione «per affrontare i drammatici problemi legati all’emergenza Coronavirus che stanno colpendo tutti i settori della produzione», e durante la quale si è concordata l’istituzione di «un urgente tavolo di lavoro tecnico di tutti i settori della produzione, anche per stimolare il governo a fornire chiarificazioni e risposte indispensabili per scongiurare la completa paralisi del settore». G.Br.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna